Architetture Criminali

 

Mostra fotografica di Adelaide Di Nunzio

 

Dal 6 novembre 2021 all’8 gennaio 2022

Presentazione del libro fotografico in occasione della Notte delle Arti Contemporanee di Torino sabato 6 novembre 2021


Architetture Criminali, la mostra fotografica di Adelaide Di Nunzio, inaugura il 6 novembre 2021 alla galleria Febo & Dafne, in occasione della Notte delle Arti Contemporanee di Torino. Contestualmente sarà presentato il volume fotografico che raccoglie il progetto dell’artista-fotoreporter durato 10 anni - dal 2010 al 2020 - e che racconta “gli effetti dell’illegalità sul paesaggio e sulle persone” in alcune aree del Sud Italia.

 

Torino: Il 6 novembre 2021 viene presentato alla galleria Febo e Dafne di Torino il progetto fotografico “Architetture Criminali” di Adelaide Di Nunzio. Una ricerca che spazia tra reportage e fotografia d’arte e che ha richiesto 10 anni di lavoro, dal 2010 al 2020. Una serie di stampe fotografiche ed un libro, raccontano il degrado architettonico di una parte dell’Italia meridionale che non rappresenta semplicemente una bruttura estetica, quanto piuttosto è testimonianza degli effetti dell’illegalità sulla vita delle persone, sul tessuto urbano, sul paesaggio e sulla società. La selezione fotografica che compone la mostra ed il libro, infatti, è accompagnata dai ritratti di persone e personaggi incontrati dalla fotografa durante il lungo periodo di ricerca, a testimonianza del fatto che ciò che resta dell’opera umana non è mai svincolato dal proprio artefice e dal modo di vivere in cui è immerso. La mostra inaugura, in occasione della Notte delle Arti Contemporanee di Torino, il 6 novembre 2021 dalle ore 11.00 alle ore 23.00 e contestualmente sarà presentato l’omonimo volume fotografico. La personale durerà fino all’8 gennaio 2022 ed in galleria sarà disponibile alla vendita il libro.

 

“L’occhio umano si abitua all’orrore del degrado e della fatiscenza. Lo sguardo, al primo impatto, inorridisce alla vista dell’edificio in disuso, del non finito abusivo o abbandonato, ma con il tempo questo diventerà invisibile.

Ho voluto fotografare questi scheletri del degrado urbanistico come se fossero dei monumenti magnifici, al pari di altre attrazioni turistiche per le quali la nostra Italia è così famosa. Rappresentati come reliquie, questi relitti acquistano maggiore visibilità, catturano il nostro sguardo e ci invitano ad una riflessione profonda sulla storia contemporanea della nostra architettura e del nostro territorio.” (A. Di Nunzio)

In un racconto visivo che attraversa Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, Adelaide Di Nunzio ci invita ad osservare la realtà per quella che è: l’occhio può abituarsi a taluni orrori e non leggerli più come tali e così può fare l’essere umano. Ma l’habitat in cui conduciamo le nostre vite non è solo involucro, ma anche specchio del tipo di relazioni sociali in cui siamo coinvolti. Con lo stratagemma estetico di rappresentare con autorevolezza e magnificenza tali orrori architettonici, la fotografa ci invita ad una riflessione profonda su tematiche etiche e morali, sociali ed antropologiche. Abituarsi alla bruttezza può essere sinonimo di abitudine all’illegalità?

Ovviamente il libro e la mostra non offrono risposte univoche, ma lo spunto ad una riflessione personale e profonda che ci chiama a rispondere come individui alla costituzione del tessuto sociale di cui siamo parte. La raccolta di foto è accompagnata nel libro da quattro paragrafi dedicati ognuno ad una delle regioni interessate, la lettura delle riflessioni personali di Adelaide Di Nunzio offrono il primo spunto per un ideale dibattito collettivo.

 

Short Bio:

Adelaide Di Nunzio nasce a Napoli nel 1978. Vive e lavora tra Colonia (Germania) e Napoli.

Realizza progetti sia nel campo della fotografia artistica sia in quello del fotoreportage.

Il suo approccio all’immagine è di tipo antropologico e sociale, alla ricerca di simboli ed evocazioni, con l’obiettivo di creare una rappresentazione visiva che offra una riflessione emotiva ed intellettiva su temi di attualità, ma al contempo universali.

Ha esposto le sue opere in mostre collettive e personali presso fondazioni, musei e gallerie private nazionali ed internazionali. Ha collaborato con agenzie e riviste internazionali tra le quali: Vanity Fair, The Guardian, Bild, Corriere della Sera, Oggi, e agenzie come Grazia neri e Parallelozero di Milano. Attualmente collabora con Kna Agentur di Bonn. Ha Pubblicato nel 2020 il libro fotografico “Architetture Criminali” con la Crowdbooks.

www.adelaidedinunzio.it

 

Adelaide Di Nunzio ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Napoli, laureandosi con una tesi sul tema “Sacro e Profano” con il prof. Fabio Donato. Successivamente si trasferisce a Milano e frequenta la scuola di fotografia Riccardo Bauer.

Ultime Mostre personali:

2021 Offene ateliers: Freie Frauen project, Colonia

2019 La Pelle, Fondazione Morra, Napoli / La città nascosta, galleria Febo & Dafne, Torino / 2018 La Pelle, Galerie 21, Cologne

2016 Unfinished, Architetture Criminali, galleria “La Mediterranea, Napoli / “Dee e Dei part two”, galleria Arké, Locri (Reggio Calabria)

2014 Dee e Dei, Museo Archeologico di Locri (Reggio Calabria)

2013 Dee e Dei, Art Gallery Çukurcuma, Istanbul e Galleria Primopiano, Napoli

2012 Amazzoni di Africa, Benin delle donne, PAN, Palazzo delle Arti, Napoli

Pubblicazioni:

2020 Libro fotografico e testi “Architetture Criminali”, crowdbooks, Italia

2018 Theatre of Real life Vol. 12, Lichtblick School Colonia, Germania

2016 Catalogo “Unfinished, Architetture Criminali”, galleria d'arte “La Mediterranea”

2015 Mythos & Arte & Photo, edizione Iemme, Italia

 

Il volume “Architetture Criminali” di Adelaide Di Nunzio include:

Fotografie e racconti di Adelaide di Nunzio

Introduzione di Petra Reski - giornalista e autrice tedesca

Foto editing di Marialuisa Plassmann

Revisione testi di Diego Nuzzo e Fatima Raja

Post Scriptum di Antonio Vesco

Editore: Crowdbooks

Prezzo: 35€

 

Scheda dell’evento:

Titolo: Architetture Criminali

Artista: Adelaide Di Nunzio

Date: 6 novembre 2021 – 8 gennaio 2022

Inaugurazione e presentazione del libro fotografico, in occasione della Notte delle Arti Contemporanee: 6 novembre 2021 dalle 11.00 alle 23.00

Orari: Dal 9 novembre al 18 dicembre 2021: dal martedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00; sabato dalle 11 alle 19. Dal 21 dicembre 2021 all’8 gennaio 2022: solo su prenotazione

Galleria: Febo e Dafne

Indirizzo: via Vanchiglia 16 – interno cortile - 10124 Torino

Email: feboedafne@gmail.com

Cell.: 331 3962965

Ufficio Stampa: Sirio Schiano Lo Moriello, press@schianolomoriello.it